Buongiorno, oggi non parliamo di trucchi o creme prodigiose, bensì dei Fiori di Bach, perché come ben saprete non esiste bellezza esteriore senza tranquillità e benessere interiore!

La medicina naturale è spesso vista sia con diffidenza rispetto alla sua efficacia, sia con falsi miti e credenze ingannevoli a riguardo, ma la realtà è certamente ben più articolata e complessa, quindi cercherò di realizzare un quadro più completo e chiaro rispetto a tale panorama. 
Innanzitutto chiariamo la differenza tra omeopatia, fitoterapia, e fiori di Bach, spesso accomunate e confuse tra di loro, ma appartenenti in realtà a branche ben differenti:
OMEOPATIA: è una medicina riconosciuta, le cui teorie sono state poste dal medico sassone Hahnemann, e si basa sul principio di Ippocrate per cui “Similia similibus curentur” (“Il simile cura i simili”), ovvero come afferma Max Tétau “Qualsiasi sostanza che, somministrata in forte dose ad un uomo in buona salute provoca dei disturbi determinati può, in bassa dose, far scomparire quei medesimi disturbi nell’uomo malato”. I principi base di tale medicina sono la diluizione dei principi attivi, la metodica della dinamizzazione per il loro allestimento, l’utilizzo delle tinture madre come materiali di partenza.
FITOTERAPIA: è una delle più antiche pratiche di medicina utilizzate fin dall’antichità, e si basa sull’utilizzo delle sostanze contenute nelle piante come rimedi di cura. Viene attualmente utilizzata come complemento di altre terapie, o come rimedio più dolce grazie alle minori controindicazioni o effetti collaterali. Ricordiamo che però contengono principi attivi con attività farmacologica, per cui possono interagire con gli altri farmaci assunti: di conseguenza è sempre necessario prestare precauzione, anche in gravidanza ed allattamento!
FIORI DI BACH: il medico Edward Bach, dopo essersi dedicato profondamente allo studio della omeopatia, afferma che le malattie “sono le manifestazioni fisiche di uno stato mentale negativo” e si è dedicato alla ricerca di rimedi che potessero armonizzare quello squilibrio che si viene a generare nella psiche del paziente manifestandosi con uno stato patologico. Ha dunque elaborato 38 rimedi floreali, ciascuno in grado di curare una particolare disarmonia restituendo al paziente la forza necessaria a guarire. Si presentano come una soluzione idroalcolica ottenuta raccogliendo il liquido con cui i fiori sono stati a contatto, e sono dunque confezionati in flaconcini dotati di contagocce, da assumere solitamente in 4 gocce 3-4 volte al giorno.
I fiori di Bach possono essere assunti singolarmente o miscelati tra di loro sotto la guida di vere e proprie ricette, dando vita a rimedi personalizzati da persona a persona. Solitamente le composizioni contengono non più di 6 fiori di Bach, e si preparano in soluzioni contenenti acqua e brandy, o aceto di mele per i più piccoli. 
Questo genere di preparazioni possono essere allestite dal farmacista oppure si possono trovare in commercio rimedi già allestiti in composizioni peculiari per problemi specifici, come ad esempio quelli di Guna, e oggi parleremo nello specifico di Resource Harmony e di Resource Enerjoy. Guna utilizza Acqua Bio-informata Supercoerente e garantisce la preparazione secondo il Metodo Originale del Dr. Bach.
Resource Harmony è stato studiato appositamente per la donna, ai fini di un rapporto non conflittuale con la propria femminilità, aiutando a generare armonia soprattutto nelle fasi più delicate della vita come la gravidanza, la menopausa, ma anche i cicli mestruali. In particolare, i fiori di Bach contenuti in tale preparazione sono: Cherry Plum, Crub Apple, Holly, Impatiens, Mustard, Scleranthus, e Walnut, ognuno dei quali ha specifiche proprietà quali: la padronanza degli istinti, l’accettazione di se stessi, l’amore incondizionato, la tranquillità, la gioia, l’integrazione dei cicli vitali e la libertà dai condizionamenti e dagli stimoli interni.
Resource Enerjoy stimola invece la vitalità, la forza e la voglia di agire! Per questo nella sua composizione troviamo Crab Apple, Elm, Hornbeam, Oak, Olive, Walnut e Wild Rose, che inducono rispettivamente purezza, risolutezza, vigore, perseveranza, rigenerazione, libertà dalle influenze esterne e vitalità.
Ricordiamo che la risposta a tali rimedi è estremamente soggettiva, e sono molteplici gli aspetti che possono influenzare tale efficacia, come la predisposizione del soggetto ad una terapia alternativa, il suo stato d’animo, e la sua inclinazione alla guarigione. Consiglio di provare questi rimedi alternativi se la medicina tradizionale non ha potuto darvi sollievo nella vostra sintomatologia o se, al contrario, volete prima provare una terapia più dolce prima di passare ai farmaci di sintesi!
Tali rimedi sono venduti nelle farmacie, erboristerie e parafarmacie ad un prezzo variabile di circa €12-14,00, o inferiore se si tratta di un singolo fiore di Bach. Se non trovate tali composizioni nella vostra zona, potete ordinare tali prodotti sui siti diretti delle farmacie come Farmacia Igea, che assicurano affidabilità e sicurezza, per cui prestate molta attenzione al sito cui vi rivolgete dal momento che si tratta di prodotti che riguardano la propria salute! Se siete intenzionate a intraprendere tali cure, rivolgetevi sempre al medico o farmacista di fiducia per valutare la vostra situazione personale e strutturare la terapia più indicata a voi stesse per ritrovare un ideale stato di benessere!

di Elisabetta Fracasso